Ovunque

Hai mai ascoltato il silenzio? Non dico che devi abbassare il volume delle persone, né delle loro parole, ma fare attenzione al silenzio, quello che ti tiene solo, quello che ti rende monocromatico. Come scendere in acqua, per ogni centimetro di cui sei fatto e lasciarsi silenziare. L’acqua non parla, è parte di noi, è
-> Continue reading Ovunque

Mia Madre

  Mia madre non sopportava la polvere. Passava intere giornate e cercare di levarla da sopra i mobili, gli oggetti. Usava sempre lo stesso piccolo pezzo di stoffa, quasi fosse un rito. Lo bagnava leggermente e poi strofinava tutto quello che le capitava sotto mano. Non sopportava la polvere, la odiava. Diceva che faceva cambiare
-> Continue reading Mia Madre

Nella teca di vetro

Un paio di anni fa ho intrapreso un viaggio stupendo. Uno di quelli dove si parte con lo zaino in spalla, pochi cambi e la voglia di riportare a casa il più possibile. Sono arrivata in una terra verde come la speranza, incredibilmente feconda ai visitatori, dove le biciclette sfrecciavano tra i cesti di tulipani
-> Continue reading Nella teca di vetro

Siamo polvere

Non hai più gambe per danzare volteggiare tra le candide nuvole del domani. Non hai più mani da poter tendere in aiuto niente saluti niente carezze. Non hai più labbra per sorridere o bocca per urlare, cantare, essere libera di esprimere Il tuo animo. Non hai più occhi per osservare il mondo Niente lacrime come
-> Continue reading Siamo polvere

[…]

Se mai dovessi –  fingendomi poeta d’altri tempi – disegnare i contorni della mia immagine riflessa nei tuoi occhi, vedrei un pugno azzurro di polvere che sbiadisce nel contrasto della tua pupilla allargata come le soglie di un abisso, piccola scatola fabbricata dalle tue mani – pulite e senza vanità – dove nascondi un groviglio
-> Continue reading […]