Gediminas Avenue (-12°C)

Gelide le braccia rivestite di onore si spezzano tra i buoni propositi. Collane di bussole guarniscono i bivi scongiurando scie di paura e solitudine.   Gli incubi orchestrano ninananne gotiche la realtà arpeggia un’ottava sopra. L’eco dei tunnel riempie le strade la neve aiuta a riconoscere il passo.   Le stalattiti blindano gli abbracci ombreggiati dai[…]

[…]

Se mai dovessi –  fingendomi poeta d’altri tempi – disegnare i contorni della mia immagine riflessa nei tuoi occhi, vedrei un pugno azzurro di polvere che sbiadisce nel contrasto della tua pupilla allargata come le soglie di un abisso, piccola scatola fabbricata dalle tue mani – pulite e senza vanità – dove nascondi un groviglio[…]

Da quale

Da quale giusta e santa guerra danno collaterale incidente inevitabile bombardamento intelligente Da quale sacrosanta rivoluzione tumulto sommossa attacco alla corona alla Bastiglia al palazzo d’inverno Da quale ritorsione vendetta esecuzione Da quale prigione Da quale muro fossato confine proprietà Da quali cosce aperte a forza di artigli e lame e parole che sono lame[…]

Sangue del mio sangue

Sangue del mio sangue, a me come sei giunto se non per oasi di pietra e filo spinato un eco raccolto nel cavo di mano,           un giunco flessuoso di tiepida carne un guscio di noce su un tempo d’eterno Arrivi in un dedalo stanco di geni intricati.   Come puoi giungere a me se non[…]

Fratelli di sangue

Guarda i miei occhi per trovare stasera Tutti i segreti che voglio offrirti Siamo fratelli di sangue da molto tempo Nella solitudine della mia esistenza ti cercavo per regalarti tutta la mia stima Il sangue scorre rosso nelle nostre vene ci ricorda del nostro legame non purificato affronto con te una giornata d’ esperienze per[…]